Inizializzazione in corso

24 Agosto 2015

LA VIDA LAIKA IL RITORNO

Dopo l’ultima notte brava ci mettiamo in viaggio per ritornare a casa. Ogni andata ha un suo ritorno. Il sogno insieme al nostro Laika sta terminando. Non so se abbiamo voglia di svegliarci. Ancora no! La prima notte ci fermiamo a Benidorm, che potrebbe essere soprannominata la Las Vegas spagnola, non per le persone che ci vivono, ma per i divertimenti ed i grattacieli di cui è provvista.

Il campeggio di Benidorm è il migliore di tutto il viaggio e anche l’accoglienza è ottima. La piccola cittadina ha ogni sorta di divertimento. Fra i palazzi ci sono 3 zone da visitare: il “casco antiguo”, la parte più tranquilla dove ci si può fermare a mangiare qualcosa davanti al litorale, la zona spagnola e la zona inglese. La città non ci piace tanto perché è finta, non ha un’anima e capiamo tra l’altro che dopo la crisi del 2009 ha avuto un grosso calo turistico.

Come direbbe Paolo Ziliani: Benidorm voto 5, città fantasma.

Il giorno seguente ripartiamo. Vogliamo fare una bella giornata di mare. Superiamo il confine e siamo in Francia. Saranno le 23.00, ma continuiamo a viaggiare. Ci fermiamo verso le 3 del mattino davanti all’isola di Porquerolles

Giusto il tempo di aprire la veranda e mettere  un po’ di musica che veniamo raggiunti da altri ragazzi camperisti, ciascuno con la sua storia e tutti in cerca della loro avventura-

Un brindisi, un saluto e qualche canzone cantata a squarciagola guardando le stelle, chi fuori chi dentro il camper..finiamo solo quando l’alba è già sorta, portandoci dientro un nuovo pezzo nel nostro viaggio.

Apprezziamo il fascino e la bellezza dell’isola solo l’indomani alla luce del sole. Degna conclusione di un viaggio magnifico fatto di esperienze, terre e km. Passiamo il confine italiano con la consapevolezza che il mondo va visto e toccato con mano.

Abbiamo avuto un gran destriero, che curva dopo curva non ci ha mai lasciato e che con frenate, accelerazioni, vicoli, svolte, parcheggi, non ha mai dato cenno di arrendersi, forse lo riporteremo a casa con qualche acciacco, ma con un gran cuore e dopo aver toccato 5500 km di asfalto e sterrato di 3 nazioni diverse.

Grazie Laika, Grazie Ecovip 712 

Attenzione

CHIUDI

Recupera Password

Inserisci il tuo indirizzo email e richiedi una nuova password

INVIA